Tag Archives: il carrattere del ciclista

marzo 29

Attendiamo fiduciosi.

3 aprile 1994, che non sarà un Giro delle Fiandre come gli altri è chiaro da subito a tutti. Kurt Cobain gracchia potente nello stereo e Gianni Bugno decide di diventare per un giorno Stephen King.

marzo 15

C’era vento a favore.

La Sanremo è questione di fiuto, quello strano sapersi orientare tra le brume di una pianura Padana ancora in inverno e lo iodio nell’aria dopo il Turchino. Insomma, per vincere la “Classicissima” ci vuole DNA.
Ecco la storia di chi ci riuscì, senza quasi crederci. Gianni, “Indecifrabile” Bugno.

novembre 16

Metti un venerdì a BookCity.

Ci sono ciclisti di cui ho, colpevolmente parlato di meno durante le presentazioni de “Il carattere del ciclista”. Venerdì a BookCity vorrei parlare anche di lui. Il professore. Quello con gli occhiali che, forse, aveva sbagliato mestiere. Appuntamento alle 17:30 al Teatro della Cooperativa – via Hermada 8 Milano. Chissà che in qualche modo non ci sia anche lui.

settembre 29

La 25esima ora di Marco Pantani.

Marco Pantani era un magnifico “cocciuto”. Stupendo finché ha vinto, pasolinianamente tragico quando ha cominciato a perdere. Da “Il carattere del ciclista” due o tre sassolini nelle scarpe che gli ho voluto far togliere.

settembre 08

CONGIUNZIONI ASTRALI.

Rapha, Cinelli e quello strano modo sovversivo di raccontare il ciclismo. Martedì 13 settembre “Il Carattere del ciclista” incontra due mostri sacri del pedalare. Vi aspetto con Antonio Colombo nel nuovo Rapha Pop Up Store Milano. Siateci.

luglio 24

I caratteri del Tour: il migliore.

Finisce il Tour, finiscono i Caratteri del Tour. Ho scelto, per ultimo, quello più bello. Un messaggio per il futuro di questo sport. Quello, l’unico, che ha provato a divertirci, a portarci oltre il “già scritto”. Si chiama Peter, ha vinto 3 tappe, e per la 5a volta consecutiva la maglia verde, e viene da Zilina. Signore e signori, è con noi, il campione del mondo, Peter Sagan!

luglio 13

Il Boss e lo Sceriffo.

Doveva regalare uno show. Sconvolgere i piani prestabiliti e ribaltare le scalette. Reali, dei suoi preparatori, ed emotive, dei suo fan.Venerdì 15 luglio, ore 11:00 presento “Il carattere del ciclista” a Trento con il “generoso” Francesco Moser. Che, in fondo, è un po’ come Bruce Springsteen.

luglio 07

I Caratteri del Tour: l’umile Miguel Indurain.

Mi ha superato nella nebbia del Passo Gardena all’ultima Maratona dles Dolomites. Come un’epifania, come un sogno. Con discrezione, come faceva sempre al Tour de France. Signore e signori, da “Il carattere del ciclista” ecco a voi l'”umile” Miguel Indurain.

luglio 01

I caratteri del Tour: l’introverso Laurent Fignon.

Pedalava con la nausea di Sartre tatuata in faccia. Biondo, sguardo snob, occhialini da intellettuale. Perse il Tour de France per soli 8 secondi. All’ultima tappa, davanti al suo pubblico. Non ne uscì più. Inizia il Tour, iniziano le storie dei suoi caratteri. Si parte dall'”introverso”: Laurent Fignon.