Tag Archives: Sogni

Fughe.

Sì, scusate. Non scrivo. Sono scappato un attimo. O, meglio, non scrivo da un po’. Twitto, chatto, commento. Ma, porcaccia la miseriaccia, non scrivo. Già, perchè scrivere è per me un’attività liberatoria. Lisergica. Adrenalinica. Come pedalare. Me l’ha insegnato una volta, tanti anni fa, un signore con i baffi. Di nome faceva Emanuele. Di cognome […]

Musica!

Quando vado in bici, non ascolto mai niente. Sento tutto. Tutto mi passa a fianco, niente mi si impiglia addosso. Tutto lassopra gira come un Rolex, al polso di un bohémien caduto dalla luna sulla terra. Tutto scorre semplice, lineare, chiaro, avvolgente. Certezze che hai solo in bici. Quando vado in bici non uso l’iPod, […]

Storia di una droga pesante.

Sì, tutto è vano, tutto è inganno, fuorché questo cielo sconfinato. Nulla, nulla esiste all’infuori di esso. Ma neanche questo esiste, nulla esiste, all’infuori della quiete, del sentirsi placato (Lev Tolstoj – “Guerra e Pace”) Dovete sapere, care lettrici e cari lettori, che sono giorni che la mia testa si inerpica sul Galibier. Lo percorre […]

Polpo grosso.

Bentornati. Come sono andate le ferie? Divertiti? Preso il sole? Bene. Allora, salto i preamboli e andiamo al sodo. Che sa di mare, appunto. E di fatiche. Tutte nuove. Metti che hai saltato una certa Ötztaler Radmarathon, causa spauracchio meteo poi rivelatosi una perturbazioncina all’acqua di rose. E che la cosa ti ha non poco indispettito. […]

Le Giovani Marmotte – Seconda Tappa: Col du Galibier.

Volevo (e dovevo) scrivervi di questa montagna subito. Il giorno stesso. 20 secondi dopo aver iniziato la interminabile discesa verso Bourg d’Oisans. E invece lo faccio ora. In colpevole ritardo. Già, perché questa montagna qua lascia sotto pelle ricordi carichi come scosse elettriche. Vanno fermati in tempo. Ti svegli nel pieno della notte a metà […]

Le Giovani Marmotte – Cronoprologo

(Si consiglia di leggere, ascoltando “Growing up” di Bruce Srpingsteen). L’etimologia della parola “Galibier” è di origine incerta. Pare derivi da “Galaubié“: burrone. Il Colle dei burroni. Dunque. Quando ero bambino, io avevo paura dei burroni. Proprio non li potevo vedere. Via di qui, non li voglio! Quando ero bambino, io avevo paura delle gallerie […]

Campo lungo.

E se facessi il ciclista, mamma? Già. Se facessi il ciclista. Se facessi il ciclista non mi potrei gustare questa meravigliosa, e strameritata, birra davanti al Sasslongher, a due passi da Corvara. Non avrei quella luce negli occhi. Ma io ho bisogno di averla. Non avrei quella consapevolezza di essere contento, per aver percorso 138 […]

Ci siamo.

Ci siamo. Si entra nella settimana “santa”, quella che conduce alla Maratona dles Dolomites di domenica 1 luglio. Appuntamento ormai fisso per il ciclistapericoloso. Quest’anno, però, a sua volta primo appuntamento con l’alta quota. Il secondo meno di una settimana dopo: Bourg d’Oisans, sabato 7 luglio. Granfondo La Marmotte. Mi attendono 7 giorni e 10 […]

Polvere di stelle.

Giugno sono 30 giorni. Dunque ne fanno esattamente 31 al 7 luglio. Quest’anno parlo francese, come prima lingua. E in particolare le espressioni migliori mi vengono sopra i 2.600 metri di altitudine. Impastate di ricordi pirateschi e voglia di toccare con mano quel che è stato il terreno di una favola nel lontano luglio ’98. […]