Tag Archives: Cinelli

ottobre 23

Purple Haze

Storia di una Cinelli Nemo Tig viola. Bella da impazzire. Allegra, spensierata, performante. Da Jules Verne al Compasso d’Oro, passando per Antonio Colombo.

settembre 08

CONGIUNZIONI ASTRALI.

Rapha, Cinelli e quello strano modo sovversivo di raccontare il ciclismo. Martedì 13 settembre “Il Carattere del ciclista” incontra due mostri sacri del pedalare. Vi aspetto con Antonio Colombo nel nuovo Rapha Pop Up Store Milano. Siateci.

maggio 13

#LaGrandeBellezza (bike tour) – Who

Da domani a Torre del Colle (PG) una spedizione di loschi individui parte per una quattro giorni consacrata al pedale e al brain storming ciclo-mentale. Un drappello di persone dalla penna facile, giornalisti, scrittori, imprenditori con il vizio della pedivella. Scopriamo chi sono gli uomini de #LaGrandeBellezzaBT: LORENZO CREMONESI Dice di sé: “un vero reporter scrive […]

Fuel for Life.

Bene, ho fatto il pieno. Ora posso tornare a scrivere. Questo post nasce dall’idea, in colpevole ritardo, di dire un po’ di grazie. Grazie innanzitutto a tutti quelli che sono venuti mercoledì 16 aprile da Upcycle alla presentazione di “Ma chi te lo fa fare?“. Curioso: fatico ancora a pronunciare il titolo del mio libro. […]

Ci vediamo lì.

Bene, ci siamo. Libro uscito, presentazione ufficiale con tanto di FRANCESCO MOSER e TITO BOERI, in rampa di lancio. Come mi sento? Come l’acqua minerale. Gasato, ma molto agitato. Evitate di scuotermi prima dell’uso. Due parole sulla presentazione: no, non sarò in mutande. No non mi spoglierò per mostrare i miei glabri polpacci. Si svolgerà […]

2 aprile.

CON LA STRAORDINARIA PARTECIPAZIONE  (IN ORDINE RIGOROSAMENTE SPARSO) DI: Francesco e Moreno Moser, José Mourinho, Friedrich Nietzsche e Sean Penn, Felice Gimondi, Niki Lauda e James Hunt, il Palazzone dello sport e la famosa nevicata dell’85, Pino Roncucci e Marco Pantani, Mario l’avvocato e Nico l’autista, Friedrich Hölderlin e il pericolo che salva, i Gormiti ed […]

d’Huez.

Dopo averla ammirata tante volte in tv, nelle immagini del Tour de France, eccola che mi si è parata davanti un afoso mattino di luglio.
All’improvviso mi sono fatto piccolo piccolo, come un calciatore che calca per la prima volta l’erba sacra del Santiago Bernabeu o un velista che doppia Capo Horn.
Signore e signori, ecco a voi l’Alpe d’Huez.

Timmel – Shock.

Eravamo rimasti al Rombo. Già, proprio lui. Quel passo che mi ha stregato. Ero salito in auto, col babbo, dal versante italiano, ricordate? Quello affrontato dallÖtzaler Radmarathon. Proprio lui: San Leonardo in Passiria – Timmesljoch. 29 km, 1700 metri di dislivello. Beh, quella che segue è un’altra storia  e ovviamente fa parte anche lei del libro. […]

Alba.

E così mi sono messo a scrivere un libro. Già. Il fatto è che, adesso, la cosa, mentre la leggo, mi risuona così strana: importante, maledettamente seria. E io, io mi sento tremendamente impacciato, per non dire quasi inadatto a farla. Quasi stessi salendo lo Zoncolan con il 50. Poi però mi fermo e mi […]